Blog - L’ETICHETTATURA SULLE CALZATURE

Swipe to the left
L’ETICHETTATURA SULLE CALZATURE
27 settembre 2017

In questo caso il termine "calzature" si riferisce a tutte le scarpe provviste di suole, che abbiano come intento quello di proteggere o ricoprire il piede. La normativa, per l’esattezza il Decreto Ministeriale del 11/04/1996, si applica a svariati tipi di calzature, come ad esempio, le scarpe con o senza tacco e gli stivali di qualsiasi altezza; i sandali e le espadrilles; le scarpe da tennis, e più in generale tutte le calzature di tipo sportivo; le calzature create per precise attività sportive; le calzature in gomma o plastica in un unico pezzo e le scarpe ortopediche.
La regolamentazione in merito all’etichettatura delle calzature prevede l’uso di simboli chiari e ben visibili al consumatore che dichiarino le caratteristiche di fabbricazione della calzatura stessa. Una scarpa si compone di tre parti: la tomaia, che è la superficie della calzatura attaccata alla suola esterna; del rivestimento della tomaia compresa la suola interna composta dalla fodera e dal sottopiede. Da ultimo la suola esterna, ossia la superficie inferiore attaccata alla tomaia che è soggetta a deteriorarsi col tempo.

Simboli etichettatura scarpa

Etichette sulle calzature: cosa indicano

L'etichetta deve essere presente su almeno una delle calzature e deve contenere le informazioni relative al materiale da cui è composta ciascuna parte della scarpa.

I materiali che vengono utilizzati per produrre le calzature sono il cuoio, il cuoio rivestito (uno strato molto sottile di cuoio unito/pressato con altro materiale come cartone, gomma e stoffa), materiali tessili materiali sintetici oppure in gomma o para.

L’etichettatura deve contenere le informazioni che riguardano il materiale che costituisce almeno l'80% della superficie della tomaia, del rivestimento della tomaia e suola interna della calzatura o almeno l'80 % del volume della suola esterna.

Etichettatura scarpe e materiali

No etichetta sulle scarpe? No party!

A tutela del consumatore il fabbricante è tenuto, secondo la normativa, a fornite l’etichetta e il venditore ha l’obbligo di verificarne la presenza.

E’ davvero importante che si ci renda consapevoli di quello che compriamo e della qualità dei materiali che vengono usati per creare le scarpe che acquistiamo. Sicuramente l’etichettatura della scarpa è un ottimo modo per renderci più informati ed attenti.

Le immagini dei simboli vi aiuteranno, speriamo, a capire meglio cosa acquistate realmente!

newsletter Diventa Rivenditore Sconti e Promozioni
©2017 Collini Atomi di Scarpa S.r.l.